Salice bianco

Salice bianco (Salix alba)

Il salice bianco (Salix alba) è diffuso in tutta Italia: è un albero che può raggiungere i 15 metri di altezza. Il tronco è diritto con scorza grigia che si screpola con l’età, la chioma è ampia, i rami sono lunghi e divaricati, La foglia, di colore verde chiaro e di colore quasi argenteo sulla pagina inferiore, ha una forma allungata-lanceolata con corto picciolo e con il margine è finemente dentato. I fiori maschili e femminili si formano in primavera su alberi separati, esistono cioè piante maschio e piante femmine (pianta dioica). I fiori maschili sono riuniti in amenti gialli e portano stami con polline, mentre quelli femminili sono verdi e presentano solo pistilli e ovario. Il seme piumoso viene disperso dal vento (anemocoria). Il salice bianco è un albero tipico dei corsi d’acqua o dei terreni periodicamente inondati. I salici hanno radici robustissime e molto estese e questo permette loro di vivere anche in zone estreme dove la corrente dell’acqua è fortissima. Per questa caratteristica vengono usati per consolidare le sponde fluviali. Nel Parco della Dora i salici bianchi sono presenti lungo il corso d’acqua nelle zone più umide e fresche e presso le sponde meno acclivi del fiume.

La tipica foglia lanceolata del Salice bianco

.

.

 

I commenti sono chiusi.